Telefon: +385 (0)52 874 505 | E-mail: tz-rasa@rasa.hr

Sentieri minerari

Tra le colline verdi si è situata Arsia, Raša, una città bianca fatta di carbone che prende il nome dal fiume omonimo che con i suoi affluenti determina geograficamente e morfologicamente questa zona. L’attività mineraria risale al XVII secolo ed è stata continuamente portata avanti nel corso della storia. Costruita nel periodo tra 1936 e 1937 Raša è un esempio unico di un’architettura raffinata concepita dall’architetto italiano Gustav Pulitzer dividendo la città gerarchicamente in due parti.Combinando il tradizionale, l’istriano e il moderno, ha reso Raša unica e riconoscibile.

Il cuore della città è la spaziosa piazza su cui spicca la bella chiesa di Santa Barbara, patrona dei minatori. La struttura del tetto della chiesa, così come dell’annesso campanile a forma quadrata, sono simboli del passato e ci ricordano le sale minerarie sotterranee e la lampada da miniera. Giacché il ritmo della città emana la storia dell’estrazione mineraria che è stata intrecciata con la vita degli abitanti per secoli, esiste una “casa mineraria “, il Centro Arsia – un piccolo museo minerario dove ogni visitatore esperienza un sentimento inconfondibile del passato dell’estrazione mineraria e della vita dei minatori. L’antico e ricco patrimonio culturale è evocato con mostre attentamente selezionate che creano l’autenticità visiva di storia e riflettono lo spirito dei tempi passati. La gloria dimenticata della storia è valutata con dettagli unici e riflette la rivitalizzazione di un momento storico di Raša come uno degli esempi più deliziosi in cui la ricchezza del passato si combina con l’atmosfera moderna e il vero desiderio di ogni individuo di diventare parte della storia.

Poiché Raša ha sempre rappresentato il cuore dell’attività mineraria, tutti i “sentieri minerari” portavano nella città attraverso percorsi che ogni vero amante della natura vorrebbe vedere. Dai villaggi circostanti, sparsi sulle colline verdi che circondando a Raša, i minatori attraversavano i sentieri forestali di natura intatta, assorbendo la sua bellezza creata dal mite clima mediterraneo. I più rilevanti dei “sentieri minerari” iniziavano da Topit, Zartinj, Sv. Bartul fino a Krapan. La rinascita di questi percorsi consente a ogni visitatore un’esperienza genuina di un intero ricco patrimonio culturale e di una natura magnifica. Il fascino dei villaggi circostanti, da cui i minatori camminavano nella miniera di Raša, fornisce un’osservazione olistica aogni individuo che vuole esplorare la vividezza dei “sentieri minerari” e a sentire la magia di una vegetazione lussureggiante. Ogni momento è la perfetta combinazione di una natura affascinante, dei panorami straordinariamente belli dalle colline circostanti e del beneficio del clima mediterraneo, e fornisce un’immagine ispiratrice a tutti gli amanti della natura.

Bagnati dal sole, con una vegetazione lussureggiante e il mite clima mediterraneo, i ” sentieri minerari” da Topit, Zartinj, che attraversano Sv.Bartol e arrivano a Krapan, grazie alla vicinanza del mare, offrono ai più esigenti visitatori un riposo genuino per l’anima e il corpo. La natura meravigliosa di ogni luogo che rende il ” sentiero minerario” offre il fascino del turismo rurale ed èun’ispirazione indimenticabile per una fuga dalla vita di tutti i giorni. La serenità della natura nella sua forma originale incontaminata, la ricchezza della vegetazione e dei suoni sorprendenti dei sentieri forestali sono una combinazione unica di natura e di patrimonio culturale. Ogni “percorso minerario ” è un gioiello individuo e delizierà a tutti chi trovano piacere nella natura. La fusione e l’intreccio tra l’atmosfera antica e contemporanea sono un collegamento idilliaco per una visita indimenticabile in qualsiasi luogo magico nella vicinanza di Raša, una città bianca fatta di carbone.