Telefon: +385 (0)52 874 505 | E-mail: tz-rasa@rasa.hr

All’inzio della parte inferiore della città, che ospitava gli operai, vi era un confortevole edificio a tre piani denominato Casa di tipo F che consisteva di ventidue camere, in cui alloggiavano i funzionari scapoli. Anche nella parte superiore della città, ovvero dietro la chiesa, vi era costruita una Casa di tipo F1 a due piani con sei piccoli appartamenti per adempiere alle necessità degli ingegneri scapoli. Dopo la chiusura della miniera nel 1966, entrambi i complessi diventarono degli edifici residenziali. È interessante notare che mentre le Case di tipo F1 dovevano essere destinate ad altri scopi, un’epidemia di tifo addominale colpì la presente regione e lo stesso edificio venne usato come una quarantena temporaria per l’isolamento dei pazienti, per lo più bambini, dalla popolazione non infetta. All’inizio degli anni settanta, in primavera, l’epidemia ha colpito quasi tutto il territorio albonese a causa dell’inquinamento delle sorgenti d’acqua Kokoti e Fonte Gaia. Il caso venne messo a tacere per decenni.